Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

262. La Compaggnia de Vascellari1

 

Si ccaso mai, sor faccia de pangiallo,
l’arreggemo noi puro er bardacchino.
Ch’edè?2 nun zemo indeggni3 de portallo?
E vvoi chi ssete? er fio4 der re Ppipino?

 

Nun t’aricordi ppiú, bbrutto vassallo,
de quelli scarponacci da bburrino
quanno a le mano sce tienevi er callo
e mmaggnavi a ppagnott’-e-ccortellino?

 

Oggi che cc’è er Zantissimo indisposto
potressi armanco usà pprudenza, e a cquelli
che ssò pprima de ccedeje er posto.

 

Er bardacchino tocca a li fratelli
de segreta: epperò ssor gruggno tosto
levàtevesce for da li zzarelli.

 

Roma, 23 novembre 1831 - Der medemo

 

 




1 Confraternita di Vasellai.

2 Che è?

3 Degni.

4 Figlio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License