Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

265. L’editto pe tutto l’anno

 

Ho vvisto propio a le cantonate
curre er libbraro a appiccicà un editto.
È un lenzòlo de carta tutto scritto,
che le ggente sce fanno a ggommitate.

 

Bisoggna avé ggiudizzio, cammerate,
perché cchi ssa che ce esse1 scritto?
E ppotrebbeno avé ffatto un delitto
che nun ze ggiuchi ppiú mmanco a ssassate.

 

Sortanto ho ’nteso un quèquero2 in perucca
a bbarbottà, svortannose3 de fianco:
«Chi cce governa, nun tiè ssale in zucca».

 

Nun c’è ppiú dunque da sperà nnemmanco;
perché ssi cchi cce ll’ha, ppuro4 te cucca,5
figurete6 chi ha perzo7 er fritto bbianco.8

 

Roma, 24 novembre 1831 - Der medemo

 

 




1 Essere.

2 Anticaglia.

3 Voltandosi.

4 Pure.

5 Te la fa.

6 Figurati.

7 Perduto.

8 Il cervello.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License