Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

266. Er marito ammalato

 

Avevo inteso da che mmonno è mmonno
ch’er piú ppeggio che ffussi era la morte,
e cche dde dua c’aspettano sta sorte
un’e llantro vorebb’esse1 er ziconno.2

 

Ma ttu cc’hai sempre stideacce storte,
mannaggia la nepote de tu’ nonno!,
dichi mo che sta mmejjo chi vva a ffonno,
ché ’r penà de chi rresta è ttroppo forte.

 

E mme vôi pparé ddorce stagresta
oggi che la salute me se sfraggne!
Tristo chi mmore e bbuggiarà cchi resta.

 

Ebbè, píjjete3 tu le mi’ magaggne,
e ppe llevatte4 sti grilli da testa
vatt’a ffà bbuggiarà, cch’io resto a ppiaggne.5

 

Roma, 24 novembre 1831 - Der medemo

 

 




1 Essere.

2 Secondo.

3 Pigliati.

4 Levarti.

5 Piangere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License