Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

267. Er conto dell’anni

 

ffamo er conto. Avevo ammalappena,
quanno che mme sposai, quattordiscianni:
de quattordisci e mmezzo fesce1 Nena:
de disciassette partorii Ggiuvanni.

 

Questi c’ho detto li dua ppiú granni:
Nena ha ddiescianni pe la Madalena;
e Nnino, senza tanto che m’affanni,
finí jjerzera dodiscianni a ccena.

 

Cqua ddunque nun ce fiocca e nun ce piove:2
dodisci e ddisciassette ar mi’ paese
viengheno a stà, mme pare, a vventinove.

 

Perché nun na gallina pollese,3
mostro un po’ d’avantaggio; ma a le prove
ho in punto vventinovanni e un mese.

 

Roma, 24 novembre 1831 - Der medemo

 

 




1 Feci.

2 Questo è sicuro.

3 Gallina pollese si dice «a quelle donne, le quali, per gentil proporzione i piccole membra, dimostrano età minore del vero».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License