Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

269. L’ordegno spregato

 

Pare un destino ch’er piú mmejjo attrezzo
che ffesce Gesucristo ar padrAdamo,
ciavessi da costà, ssi lladdopramo,
da strillacce Caino1 per un pezzo!

 

Questa nun ce la ssi nnun sposamo,
quella er priffe2 e nnun je roppe er prezzo,3
l’antra t’impesta e tte fa vverd’e mmezzo:4
e er curato sta llí ssempre cor lamo.5

 

Bbenedetta la sorte de li cani,
che sse ponno pijjà cquer po’ de svario
senz’agliuto de bborza e dde ruffiani.

 

E pponno fotte in d’un confessionario,
ché nu l’aspetta com’a nnoi cristiani
sta freggna de l’inferno e dder Vicario.

 

Roma, 24 novembre 1831 - Der medemo

 

 




1 Gridare come i cani.

2 Denari.

3 Non cala il mercato.

4 Mézzo, colla o stretta: «tristanzuolo, malaticcio».

5 L’amo da pesca.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License