Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

272. L’assegnati1

 

Ecco si cche vvor de sta2 ddumesi
drento in concraudio3 e ffà li Papi frati:
se svortica er budello4 a li paesi,
eppoi s’ha da ricurre all’assegnati.

 

Quanno che li stamporno li francesi,
ce restassimo5 tutti cojjonati,6
ccartacce da culo: e cchi l’ha spesi
all’un per cento o ar dua, nun l’ha bbuttati.

 

Io, co storecchie, venti vorte in fila,
l’ho inteso oggi ar vangelio, che dde sbarzo7
ce ne vonno appoggià ddodisci mila.8

 

Vedi che llume de luna de marzo!
E cquanno er prete a mmessa te le sfila,
pijjesce puro9 un giuramento farzo.

 

novembre 1831

 

 




1 Carta moneta della Repubblica Gallo-Romana.

2 Ecco se che vuol dir di stare.

3 Conclave.

4 Si rivolge; si esaltano.

5 Ci restammo.

6 Gabbati.

7 D’un colpo.

8 Duodecim milia signati.

9 Pigliaci pure.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License