Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

276. Er giorno der giudizzio

 

Cuattro angioloni co le tromme in bocca
se metteranno uno pe cantone
a ssonà: poi co ttanto de voscione
cominceranno a ddì: ffora a cchi ttocca.

 

Allora vierà ssù una filastrocca
de schertri da la terra a ppecorone,1


pe rripijjà ffigura de perzone,
come purcini attorno de la bbiocca.2

 

E sta bbiocca sarà ddio bbenedetto,
che ne farà duparte, bbianca, e nnera:
una pe annà in cantina, una sur tetto.

 

All’urtimo ussciràna sonajjera3
d’Angioli, e, ccome si ssannassi a lletto,
smorzeranno li lumi, e bbona sera.

 

25 novembre 1831Der medemo

 

 




1 Camminando cioè con mani e piedi.

2 Chioccia.

3 Un formicaio, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License