Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

280. Er Papa

 

Iddio nun ccher Papa pijji mojje
pe nnun mette1 a sto monno antri papetti:
sinnò a li Cardinali, poverelli,
je resterebbe un cazzo da riccojje.2

 

Ma er Papa a ggenio suo llegà e ssciojje
tutti li nodi lenti e cquelli stretti,
ce scommunicà, ffà bbenedetti,
e ddàcce3 a ttutti indove cojje cojje.

 

E inortr’a cquesto che llui sciojje e llega,
porta duchiave pe ddacce4 l’avviso
che cquà llui opre e llui serra bottega.

 

Quer trerregno che ppoi pare un zuppriso5
ddí cche llui commanna e sse ne frega,
ar monno, in purgatorio e in paradiso.

 

 26 novembre 1831 - De Pepper tosto

 

 




1 Per non mettere.

2 Un nonnulla da raccorre.

3 Darci.

4 Darci.

5 Pallottola ovale di riso fritto.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License