Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

282. Le ssequie de Leone
duodescimosiconno a S. Pietro

 

Prima, a palazzo, tanti frati neri
la notte e ’r giorno a bbarbottà orazzione!1


Pe Rroma, quer mortorio bbuggiarone!2
cqua, tante torce e tanti cannejjeri!

 

Messe , mmesse ggiú, bbenedizzione,2a
bôtti, diasille, prediche,3 incenzieri,
sonetti ar catafarco,3a arme, bbraghieri,4
e sempre Cardinali in priscissione!

 

Come si4a er Papa, che cquaggiú è Vvicario
de Crist’in terra, possi ppeccati,
e annà a l’inferno lui quant’un zicario!

 

Li Papi ttre vvorte acconzagrati:
e ssi Ccristo sciannò, cciannò ppe svario
a ffà addannà5 li poveri dannati.

 

28 novembre 1831 - Der medemo

 

 




1 Orazioni.

2 Grande, sfoggiato.

2a Benedizioni.

3 Panegirici.

3a Iscrizioni.

4 Oggetti affastellati.

4a Se.

5 A dar rovello.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License