Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

287. La lingua tajjana1

 

«Eh zia, quela regazza che sse vede,
guercia, a pponte sant’angelo,2 la festa,
che sta llí a sséde, e ttrittica3 la testa,
zia, chiede la lemosina? la chiede

 

«E cche mmaniera di discorre è cquesta?
Bbestia, se disce sédere e nnò ssede.
Nun zerve, cquì sse predica la fede
in ghetto,4 se fa el brodo in d’una scesta.5

 

Guardatela llí la pupa nercia!6
Ha mommó dodiscianni su la groppa
e ancora nun za ddí cceca ma gguercia!

 

Ehéi! cquà nun ze trotta, se galoppa!
Cquà la matassa è frascica e nnò llercia:7
va bbene un po’, ma cquanno è ttroppa è ttroppa.

 

28 novembre 1831 - De Pepper tosto

 

 




1 Italiana.

2 L’antico ponte Elio, poi detto Adriano, quindi San Pietro e finalmente Sant’Angiolo.

3 «Tremola», in senso attivo.

4 Ricinto degli Ebrei.

5 Proverbio.

6 Bambina tristanzuola.

7 Fracida e non già fragile: proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License