Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

292. Er civico ar quartiere

 

Buggiaralle peddìo chi ll’ha inventate
starmacciacce da foco bbuggiarone!
Ché ggià de scerto dovett’esse un frate
co un po’ de patto-tascito a Pprutone.

 

Sor zargente, nun famo1 bbuggiarate:
cuanno che mme mettete de piantone,
o ccapateme l’arme scaricate,
o ar piuppiù ssenza porvere ar focone.

 

Cortello santo! Armanco nun è cquello
vipera da vortasse2 ar ciarlatano!3
Pe mmé, evviva la faccia der cortello!...

 

Lo scanzate quer buggero, eh, sor Pavolo?
Nun ze mmai sapé co starme in mano!
E ppô a le vorte caricalle er diavolo.

 

30 novembre 1831 - Der medemo

 

 




1 Facciamo.

2 Voltarsi.

3 Proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License