Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

295. La serva de lo spappino1a

 

Sai dove sta a sserví mmó cquela strega
che ssciacquava li piatti a la locanna?
Dar gobbetto cquaggiù cche ttiè bbottega
d’anticajje e ppietrelle a Ppropaganna.1

 

Er bell’è ccher padrone se la frega,
sibbè che jje stii sotto mezzacanna.
Ma ssi jje sce dài guai, lei te lo nega,
e cce sforma cappelli2 che ssaddanna.

 

Io vorebbe vedé er zor Gobbriello3
co cquer po’ de bbaullo in guardarobba
come s’ingeggna a intrufolà4 l’uscello.

 

Co ttutto che cchi ssa spiegà sta robba
disce c’a sti derfini4a er manganello5
se5a misura dar giro de la gobba.

 

3 dicembre 1831 - De Pepper tosto

 

 




1a Uomo piccolo e storto.

1 Un tal Pericoli, gobbo.

2 Va in collera.

3 Il gobbo.

4 Ficcar dentro.

4a Delfini.

5 Bastone.

5a Si.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License