Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

297. Che llingue curiose!

 

Sta tu’1a Francia sarà una gran Città,
ma li francesi che nnascheno llí
hanno una scerta gorgia de parlà
che ssiamazzato chi li ccapí.

 

Llà ttre e ttre nun fa ssei, tre e ttre ffa ssì,1


e, cquanno è rrobba tua, sette a ttuà.2
Pe ddì de sì, sse2a bburla er porco: :
e cchi vvô ddì de disce: nepà.

 

E mmaricordo de quer zor Monzù
che pprotenneva2b che discenno a ssé,3
discessi3a abbasta, nun ne vojjo ppiú.

 

E de quell’antro che mme se maggnò
’na colazzione d’affogacce un Re,
e me sce disse poi che ddiggiunò?!

 

7 dicembre 1831

 

 




1a Questa tua.

1 Per esempio: six pauls, ecc.

2 C’est à toi.

2a Si.

2b Pretendeva.

3 Assez.

3a Dicesse.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License