Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

299. L’uffizziale1 francese

 

Voi, sor gianfutre mio, sete uno sciocco
ar brusco, ar zugo, ar burro e in gelatina,
cor una testicciola piccinina
d’avenne1a er mercordí vvent’a bbaiocco.

 

Ma ccome un gallo cchiamasse un cocco,2
si er cocco ar monno è un ovo de gallina!
Voi pijjate campana pe bbatocco,
voi confonnete er re cco la reggina.

 

E ssullova ch’edè2a a stantra bbaruffa?
Se sa,2b mme fate a la pollarola
che vve ne manni duduzzine a uffa;3

 

e cquella c’ha studiato a un’antra scôla,
appena ha inteso stimmassciata3a bbuffa,
ve l’ha mmannate3b co la coccia sola.4

 

8 dicembre 1831 - D’er medemo

 

 




1 Cuoco.

1a Averne.

2 Coq.

2a Che è.

2b Si sa.

3 Oeuf.

3a Ambasciata.

3b Mandate.

4 Cioè: «il solo guscio».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License