Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

303. La santa commugnone

 

La sera ch’er Zignore a ôr de scena1


distituí2 la santa caristia,3
nun zo ccapí pperché ffussi de vena
de dàjje3a er nome de sta bbrutta arpia.

 

Tratanto scerto è una gran cosa piena
d’amore pe sta porca de gginía
de ggentacce der monno, ammalappena
deggni de mentovà Ggesummaria.

 

Te pare amore a tte ppoco futtuto4
quer cacciasse5 in d’un’ostia cuantabbasta
pe ssiggillà una lettra co lo sputo?

 

E ssotto poi sto scerotin de pasta
calà in ner corpo d’un cristian cornuto
pe rriusscí dda dove entra la tasta?6

 

10 dicembre 1831 - De Pepper tosto

 

 




1 A ora di cena.

2 Instituì.

3 Eucaristia.

3a Dargli.

4 Poco rimarchevole, poco grande.

5 Cacciarsi.

6 Dal basso, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License