Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

304. La santa Confessione

 

Avessi fatto ar monno ancora ppiú
de tutto er bene che ppò ffasse cquí;
fussi un santo, una cosa da stordì,
fussi un mostro infernale de vertù;

 

maggnete, fijjo mio, lecchete tu
’na fetta de salame er venardì,
e bbona notte: hai tempo a ffà e a ddì:
se va a ffà le bbrasciole1 a Bberzebbù.

 

Ringrazziamo però la bbonità
de Ddio, ché ppuro er vicoletto sc’è1a
pe ffà ppeccati in pasce e ccarità.

 

Bastaggnitanto d’annà a ffà cescè2
in cuella grattacascia3 che sta llà,
eppoi te sarvi si scannassi3a un Re.

 

11 dicembre 1831 - De Pepper tosto

 

 




1 Bragiuole.

1a C’è il modo.

2 Il mostrarsi e il non mostrarsi per mezzo di una cosa che copre e non copre.

3 Gratino del confessionale.

3a Seppure tu scannassi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License