Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

306. Li peccati mortali

 

Er Padre Patta, indove ce va a scola
er fìo de quer che ffa la regolizzia;1


ha ddetto c’ortre ar peccato de sola2
sette li peccati de malizzia.

 

Eccheli cquì pparola pe pparola:
primo superbia, siconno avarizzia,
terz’usura, quart’ira, quinto gola,
sesto invidia, e ssettimo pigrizzia.

 

Cuanno Iddio creò ssette sagramenti,
er demonio creò ssette peccati,
pe ffà cche ffussi contrasto de venti.

 

E cquanno che da Ddio furno creati
ar monno confessori e ppenitenti,
er diavolo creò mmonich’e ffrati.

 

12 dicembre 1831Der medemo

 

 




1 Liquerizia.

2 L’urtarsi ne’ piedi che fanno gli amanti per occulti segni.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License