Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

308. L’ojjo santo

 

E ccome vôi che stii, povero Nino!
Sta c’un momento more e un’antro campa:
e ssi nun fussi che jje gusta er vino,
già nun ce ne sarìa manco la stampa.

 

aspetta fra Ppetronio cor bambino
de la rescelì:1 e ccasomai la scampa,
ha ffatto voto d’attaccà una zampa1a
a la Madonna de Sant’Agustino.2

 

A bbon conto jerzera ebbe ’na stretta
ner magnà ccerto pane e ccompanatico,
che lo communiconno pe staffetta.

 

E ’r prete poi che de ste cose è ppratico,
je vorze puro , ddoppo un’oretta,
quela cosa ppiú ppeggio der viatico.

 

5 gennaio 1832 – D’er medemo

 

 




1 Dell’Ara-coeli.

1a Il voto di una gambetta di argento.

2 Tenuta da pochi anni in concetto di sommamente miracolosa. È statua, e si chiama la Madonna del parto.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License