Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

310. Caster-Zant’-Angelo

 

Quer buggero llí sotto ar piedestallo
dell’angelo, in ner mezzo de Castello
che ppare un cuppolone de cappello
o un zetaccio o una forma de timballo,1

 

c’è cchì ddisce ch’è mmaschio,2 bbuggiarallo!,
come li sassi avessino l’uscello!3
Eppoi, l’antro ch’è ffemmina indovello4
pe ppoté ffà la razza e mmaritallo?

 

Quer che cce cricca,5 se6 fa ppresto a ddillo,
ma pprima de poté mettesce er bollo,
ggna dàjje tempo e staggionà er ziggillo.

 

Una spesce llaggiú dde ponte-mollo!7
è mollo un cazzo, e cchi llo ccapillo
se lo vadi a ffà ddà tra ccap’e collo.

 

6 gennaio 1832

 

 




1 Vivanda di riso.

2 Il maschio del Castello.

3

4 Dov’è.

5 Piace.

6 Si.

7 Ponte molle o milvio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License