Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

311. La vedova co ssette fijji

 

è un mese ch’er più ffijjo piccinino
lo manno a scôla cquì a l’iggnorantelli1


e ggià pprincipia a ffà li bbastoncelli2
e a rrescità all’ammente l’abbichino.3

 

Uno a Ttatagiuvanni4 fa l’ombrelli,
un antro a Sammicchele5 è scarpellino,
e ar piú ggranne ch’è entrato all’Orfanelli6
jimpareno li studi de latino.

 

Le tre ffemmine, Nina se n’annette,7
Nannarella se l’è ppresa la nonna,
e Nnunziatina sta a le Zoccolette.8

 

E io la strappo via, povera donna,
cor rimette le pèzze a le carzette,
sin che nun me provede la Madonna.

 

 6 gennaio 1832 - De Pepper tosto

 

 




1 Le scuole gratuite di S. Salvatore per l’istruzione primaria.

2 Le aste colla penna.

3 A mente l’abbachino, l’abbaco.

4 Ospizio fondato da un Giovanni, a cui dicevano Tata (padre).

5 Vedi nell’opera pubblicata da Monsignor Morichini.

6 Ospizio.

7 Se ne andò: morì.

8 Conservatorio di povere fanciulle.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License