Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

315. Lo sposalizzio de le ssciabbole1

 

Hanno sposato adesso a la parrocchia
madama Timistufa2 e cquer futticchio,3
che ppareveno er fuso e la conocchia,
la sora Zinforosa e ’r zor Uticchio.4

 

Lui è ggobbo più ppeggio de no spicchio
de merangolo, e Llei è ’na ranocchia.
Dunque chi ll’ha ttentati? Farfanicchio?5
je pôzzi6 calà er latte a le gginocchia!

 

Perché, mettemo,7 nun faranno fijji;
ma ssi li fanno e Ccristo nu l’ammazza,
le nottole nun cacheno cunijji.

 

Dunque pregamo Iddio che de sta razza
de marmottine vive s’aripijji
chi l’averebbe da mettelle in piazza.

 

8 gennaio 1832 - Der medemo

 

 




1 Sciabole, gambe storte: quindi sciabolotti gli storti.

2 Donna nauseante.

3 Omiciattolo.

4 Notissimo personaggio della Casa disabitata, farsa di Giovanni Giraud.

5 Il diavolo.

6 Possa loro, ecc.

7 Supponghiamo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License