Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

320. Er prestito de l’abbreo Roncilli1

 

Ma eh? Cèssummaría!2 che Mmonno tristo!
Fin che sse vedi a li ggiacubbini
va bbe’, ma un Papa ha da pijjà cquadrini
da un omo c’ha ammazzato Ggesucristo!

 

Uh rriarzassi la testa Papa Sisto
ch’empí zzeppo Castello de zecchini3
strillerebbe: «ah ppretacci mmalandrini,
c’era bbisogno de sto bbellacquisto?

 

Nun ciavete perdio tanta de zecca
pe cugnà mmille piastre ogni minuto,
senza falle vení sin da la Mecca?

 

E cco ttutto sto scànnolo futtuto
maneggiate a Ssan Pietro la bbattecca4
pe bbuggiarà la ggente senza sputo».

 

 9 gennaio 1832 - De Pepper tosto

 

 




1 Vedi l’altro sonetto intitolato La sala de Monzignor Tesoriere.

2 Gesù Maria, esclamazione ordinaria di maraviglia.

3 Allude ai cinque milioni depositati da Sisto v in Castel Sant’Angiolo.

4 Bacchetta, col cui tocco sul capo i Penitenzieri della Basilica Vaticana cancellano i peccati veniali di chi genuflette avanti ad essi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License