Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

325. Er teatro Pasce

 

Giuveddí cc’è a la Pasce, e ggià sta ffori
sur Cartellone accostar butteghino,
La gran battajja der gran Re de mori
fatta dar gran Orlanno Palattino,

 

Co Ppurcinella finto spadaccino
e ddisperato tra li creditori.

Eppoi fanno pe ffarza Traccagnino
servo de dupadroni, co li Cori.

 

Sai che rride ha da esse Purcinella
si ppe ppagà li debbiti va ar Monte
de la Pietà a impegnasse la guainella!1

 

Poi, sabbito, er gran Carro de Fedonte,
co la bburletta nova tanta bbella
Muzzio-Scivol’all’ara e Orazzio ar ponte.

 

10 gennaio 1832 - De Peppe er tosto

 

 




1 Spada.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License