Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

326. Er coronaro

 

Ma cche tte vai freganno1 vemmarie
e ppaternostri pe infilà ccorone!
Passò cquer tempEnea der re ddidone:
oggi è ttempo d’uprí fforni e osterie.

 

Da quanno ch’è vvienuto Napujjone
uffizzioli, rosari e llettanie
le donne l’hanno mess’in d’un cantone
e nun penzeno ppiù cc’a cciafrerie.2

 

Fiori, occhiali, smanijji, orloggi, anelli,
pennenti, farpalà, ppettini, veli,
fittuccie, e ccappelloni com’ombrelli.

 

Senza statte a ccontà3 ttutti li peli,
che ssò de li paini poverelli
che mmoveno a ppietà li sette sceli.

 

 10 gennaio 1832 - De Pepper tosto

 

 




1 Qui nel senso di «fare».

2 Bagatelle.

3 Contare per «numerare»; poiché per «narrare» dicesi dai Romaneschi solamente raccontare.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License