Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

327. Er roffiano onorato

 

È nnata e bbattezzata a la Matriscia:
cuà nun ze viè pe sbarattà le carte,
vienghi a vvedé coll’occhi sui che cciscia,
e ddoppo me dirà s’io dell’arte.

 

Se la facci spojjà ssenza camiscia,
la tasti puro da tutte le parte,
la provi, e vvederà cchi è la Miscia,
e ssi ppropio è un boccon da Bbonaparte.

 

Se ne troveno pochi de sti musi.
Le regazze, Monzù, che jje do io,
lei ppuro1 fregalle a occhi chiusi;

 

ché nun le puzzone, Monzù mmio,
che jje porta un zocchí,2 ppiene, me scusi,
de tutte sorte de grazzia de ddio.

 

10 gennaio 1832 - Der medemo

 

 




1 Pure.

2 Un non-so-chi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License