Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

329. Le capate

 

Co stantre ammazzatore1 sgazzerate2
c’hanno vorzuto3 arzà4 ffora de porta,5
nun ze6 disce bbuscia che Rroma è mmorta
più ppeggio de le bbestie mascellate.

 

Dove se(6) gode ppiú com’una vorta
quer gusto er Venardí dde le capate,7
quanno tante vaccine indiavolate
se(6) vedeveno annà ttutte a la sciorta?8

 

Si9 scappava un giuvenco o un mannarino,10
curreveno su e ggiú ccavarcature11 pe rripetta, per corzo e ’r babbuino.12

 

Che ride13 era er vedé ppe le pavure
l’ommini mette mano14 a un portoncino,
e le donne scappà cco le crature!15

 

11 gennaio 1832 - De Pepper tosto

 

 




1 La pubblica ammazzatoia di animali destinati al cibo.

2 Voce di spregio.

3 Voluto.

4 Alzare.

5 Del Popolo.

6 Si.

7 Erano dette capate que’ branchi di bestie vaccine che sino agli ultimi tempi s’introducevano in Roma disciolte nel giovedì e venerdì d’ogni settimana per portarsi ai macelli.

8 Alla sciolta.

9 Se.

10 Mandarino: nome che si dava a ciascuno de’ quei buoi, muniti di un campanaccio al collo, destinati a guida delle altre bestie.

11 Butteri a cavallo.

12 Le tre vie che mettono capo alla Piazza del Popolo.

13 Che ridere! ecc.

14 Metter mano, per «entrare».

15 Creature.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License