Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

333. La scirconcisione der Zignore

 

Sette ggiorni e un po’ ppiú ddoppo de cuello
che ccor fieno e li scenci inzino ar gozzo
la Madonna tra un bove e un zomarello
partorí er bon Gesù ppeggio d’un mozzo;

 

er padre sputativo1 poverello
pijjò in braccio er bambino cor zangozzo;2
e annorno ar tempio a fajje a l’uscello
er tajjo d’un tantin de scinicozzo.3

 

Eppoi doppo trent’anni fu pe mmano
de San Giuvanni bbattezzat’a sguazzo
in cuer tevere4 granne der giordano.

 

In cuanto a cquesto è vvero ch’er regazzo
venne a la fede e sse fesce cristiano:
ma le ggirelle5 io nu le stimo un cazzo.

 

12 gennaio 1832 - De Pepper tosto

 

 




1 Putativo.

2 Singhiozzo.

3 Prepuzio. Con questa voce i Romaneschi burlano gli Ebrei.

4 Tevere, per nome appellativo di fiume.

5 I volubili.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License