Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

335. Er fugone de la Sagra famijja

 

Ner ventisette de dicemmre a lletto,
San Giuseppe er padriarca chiotto chiotto
se ne stava a rronfà ccom’un porchetto
provanno scerti nummeri dell’Otto;1

 

cuanno japparze in zogno un angeletto
cor un lunario che ttieneva sotto;
e jje disse accusì: «Gguarda, vecchietto,
che ffesta viè quì ddrento a li ventotto».2

 

Se svejjò San Giuseppe com’un matto,
prese un zomaro ggiovene in affitto,
e pe la prescia manco fesce er patto.

 

E cquanno er giorn’appresso uscì l’editto,
lui co la mojj’e ’r fìo ggià cquatto quatto
viaggiava pe le poste pe l’Eggitto.

 

 12 gennaio 1832 - De Pepper tosto

 

 




1 Del lotto.

2 A’ 28 dicembre è la commemorazione della strage degl’innocenti.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License