Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

337. Le nozze der cane de Gallileo1

Sonetti 3

 

Ner più bbello der pasto de le nozze
venne drento a li fiaschi a mmancà er vino;
e, ppeggio, era serrato er bettolino
pe ppoté rrïempí le bbarilozze.

 

Che ffesce er cantignere bbirbo fino!
Cormò d’acqua der pozzo tre ttinozze,
e dda sei serve affumicate e zzozze
la mannò in zala avanti ar padroncino,

 

acciò ppregassi Maria bbenedetta
a prennese l’impegno cor fijjolo
de falla diventà vvin de ripetta.2

 

«Bisogna er fijjo mio pijjallo a volo»,
lei disse: «abbasta, si vvò ddamme retta,
farò ffajjene3 armanco un quartarolo».4

 

13 gennaio 1832 - De Pepper tosto

 

 




1 Le nozze di Cana in Galilea.

2 Scalo del Tevere, dove si vende vino ordinario de’ paesi posti lungo il fiume.

3 Fargliene.

4 La quarta parte di un barile.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License