Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

338. Le medeme

[Le nozze der cane de Gallileo]

 

Appena ebbe sentita la Madonna
pregallo a vvennemmià senza un rampazzo,1


Ggesucristo, che ancora era regazzo,
soffiò istesso ch’er zasso d’una fionna.

 

Poi disse incecalito: «Eh quela donna,
voi de sti guai che vve ne preme, un cazzo?
Che cce penzi er padrone der palazzo,
e nnun vadi a ccercà cchi jje li monna.2

 

Pe ddà la cotta a cquarche bbeverino3
che vvorà ppasteggià le callaroste,
io ho da er miracolo der vino?!

 

Che?! M’hanno da toccà ggià tante groste,4
senz’annamme accattanno cor cerino
puro stantra odiosità dell’oste!».

 

13 gennaio 1832 - Der medemo

 

 




1 Grappolo di uva.

2 Questo verbo significa qui: «togliere la cura, il pensiero, la fatica».

3 Procurare di inebriarsi a’ bevitori.

4 Colpi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License