Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

339. Le medeme

[Le nozze der cane de Gallileo]

 

Credo però che tutta sta sparata
che cquà ffesce Ggesú bbona-memoria,
lui nu la facessantro che ppe bboria,
o, ccome dimo noi, pe ppallonata.

 

Ma la madre, che ssera sbilanciata1


de volé ppropio vince sta vittoria,
disce er Vangelio ch’è una bbellistoria
che ddiventò Mmadonnaddolorata.

 

Fijji, mo ddico io, mai fussi vera
stistoria cquì, bisogna avé ggiudizzio,
pe vvia c’ar tempo suo cascagni pera.

 

Specchiateve in Gesú, che ppe cquer vizzio
de risponne a la madre in sta magnera
Dio permesse c’annassi in pricipizzio.

 

13 gennaio 1832 - Der medemo

 

 




1 Compromessa.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License