Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

349. Lotte ar rifresco

 

Già a Ssodema e Gghimorra ereno cotte
tutte le ggente arrosto com’e ttrijje,
e dde tante mortissime1 famijje
pe ccaso la scappò cquella de Lotte.

 

Curze2 er Padriarca finamente3 a nnotte
senza mai pijjà ffiato e staccà bbrijje:
ma cquà, ssiconno er zolito, a le fijje
je venne fantasia de fasse fotte.

 

Ma pe vvia4 che nun c’era in quer contorno
neppuro un cazzo d’anima vivente,
disseno:5 «È bbono Tata»:6 e llubbriacorno.

 

Poi fatteje dusmorfie ar dumpennente,7
dda bbone sorelle inzin’a ggiorno
se spartirno le bbotte alegramente.

 

 17 gennaio 1832 - Der medemo

 

 




1 Moltissime.

2 Corse.

3 Sino, fino.

4 Per motivo.

5 Dissero.

6 Papà.

7 Vocabolo composto dal dun pendebat dello Stabat Mater, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License