Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

353. Er medemo

[Er terramoto de venardí]

 

E io? pe sscegne1 in chiesa, propio allora
m’ero appuntata in testa la bbautta,
quanno che mme sentii cunnolà2 ttutta,
e ccome una smanietta de ffora.3

 

Nun te so ddí ccome arimasi bbrutta:
so cche ccurzi a bbussà a la doratora:
«Sora Lionora mia, sora Lionora,
uprite oh dio che lla luscerna bbutta».

 

Tra ttutto sce4 poté ccurre er divario
d’un par de crèdi, c’uscì mmezza morta
da la stanzia der letto cor vicario.

 

E llí un zuttumpresidio;5 e a ffalla corta
su ddupiedi intonassimo er rosario
tutt’e ttre ssotter vano de la porta.6

 

19 gennaio 1832 - Der medemo

 

 




1 Scendere.

2 Cunnare, tentennare.

3 Recere.

4 Ci.

5 Sub tuum praesidium, antifona che precede il rosario.

6 È opinione del volgo che nel vano di una porta si sia salvi e sicuri.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License