Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

357. La carotara1

 

Lassamo stà la pifera2 c’ha in faccia,
nun guardamo quer po’ de rastijjera,3
passamo ch’è ’na bbannerola4 vera
’na ladra da impiccà, ’na ruffianaccia.

 

Ma ppe le miffe5 sole che llei spaccia
pe ffagnisempre la confusioniera,
bisognerebbe co mod’e mmagnera6
un giorn’o llantro roppeje7 le bbraccia.

 

Eppuro te la trovi foravia8
sempre co la corona tra le deta,
come annava la Vergine Mmaria.

 

E cquanno in Chiesa sta santifisceta9
vede uscì er prete for de sagrestia,
je s’accosta e jje bascia la pianeta.

 

20 gennaio 1832 - Der medemo

 

 




1 Bugiarda.

2 Lungo naso e largo.

3 Rastrelliera. Qui per «isconcia dentatura».

4 Senza carattere.

5 Menzogne.

6 Modo e maniera.

7 Romperle.

8 Fuori, per via.

9 Santificetur, donna pia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License