Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

362. Li soprani der Monno vecchio

 

C’era una vorta un Re1 cche ddar palazzo
mannò ffora a li popoli steditto:
«Io io, e vvoi nun zete2 un cazzo,
sori vassalli bbuggiaroni, e zzitto.

 

Io fo ddritto lo storto e storto er dritto:
pòzzo vénneve3 a ttutti a un tant’er mazzo:
Io, si vve fo impiccà nun ve strapazzo,
ché la vita e la robba Io ve l’affitto.

 

Chi abbita a sto monno senza er titolo
o dde Papa, o dde Re, o ddImperatore,
quello nun avé mmai vosce in capitolo».

 

Co steditto annò er Boja pe ccuriero,
interroganno tutti in zur tenore;
e arisposeno tutti: «È vvero, è vvero».

 

21 gennaio 1832 - De Pepper tosto

 

 




1 C’era una volta un Re, c’era una volta una Regina, è il principio generale di ogni favola che dal popolo si racconta.

2 Non siete.

3 Posso vendervi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License