Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

363. Chi va la notte, va a la morte

 

Come lle disgrazzie! Ecco l’istoria:
co cquellinfernuperto de nottata
me ne tornavo da Testa-spaccata1


a ssettora indovabbita Vittoria.

 

Come llí ppropio dar palazzo Doria
ppe ssalí Ssanta Marianviolata,2
scivolo, e tte do un cristo de cascata,
e bbatto apparteddietro la momoria.3

 

Stavo pe tterra a ppiagne a vvita mozza,4
quanno c’una carrozza da Signore
me passò accanto a ppasso de bbarrozza.5

 

«Ferma», strillò ar cucchiero un zervitore;
ma un voscino ch’escì da la carrozza
je disse: «Avanti, alò: cchi mmore more».

 

21 gennaio 1832 - Der medemo

 

 




1 Via di Roma.

2 Santa Maria in Via Lata, antico nome del Corso.

3 È comunque opinione del popolo che la memoria risieda nella parte posteriore del capo, la quale perciò si chiama propriamente la memoria.

4 A gocciole, come una vite recisa che dia umore.

5 Baroccio, carretta da buoi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License