Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

367. Lo scozzone

 

Tu ssai dov’è Ssan Nicola in Narcione:1


bbè, a la svortata llí der Gallinaccio
er cavallo je prese un scivolone,
turutuffete,2 e llui diede er bottaccio.3

 

Ecco si cche vvor mmontà un sturione,4
mette la vita in mano a un cavallaccio:
coll’antri è annato via sempre bbenone:
co cquesto è ito ggiú ccom’uno straccio.

 

Restò ggelato, povero Cammillo!
Ce s’incontrò er decane de Caserta5
che nu l’intese mmanco uno strillo.

 

Disce Iddio: Morte scerta, ora incerta:
chi er risico lo , ribbinitillo6
omo a ccavallo sepporturuperta.7

 

22 gennaio 1832 - De Pepper tosto

 

 




1 Via di S. Niccola in Arcione, accanto alla quale chiesa è la via del Gallinaccio.

2 Parola d’uso, per esprimere il rumore della caduta.

3 Precipitò sonante.

4 Cavallo magro.

5 Il servitore decano del Duca di Caserta.

6 «Qui amat periculum, peribit in illo». (Libri ecclesiastici, iii,27).

7 Proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License