Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

368. Er marito de la serva

 

Nun zerv’a ddí: cquann’uno è ddisgrazziato
tutti strilleno ar lupo e ddanno sotto.
Si Cchecca va ppulita e ss’è avanzato
cuarche bbajocco, è pperché vvince all’Otto.1

 

Cuer pettine che ttiè sott’ar cappotto,
sissignora, je l’hanno arigalato:
e ha ppreso a la padrona er manicotto,
acciò nu jje l’avessino arubbato.

 

Nun c’è da dajje un cazzo farzamento2
pe onore a Cchecca: e ssi cce pperzone
pe ttestimoni, pportanne scento.

 

In cuanto ar fatto poi de le corone,
cuanno sce le medajje d’argento
bbenedette, le ppe ddivozzione.

 

22 gennaio 1832 - De Pepper tosto

 

 




1 Al lotto.

2 Dar falsamento a chicchessia, vale: «vincerlo a confronto».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License