Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

369. Er marito stufo

 

Un giorn’o llantro che pper dio sagrato
me zompeno le verginemmaria,1


pijjo er cappello e mme ne vado via,
e mme do a la Pilotta2 pe ssordato.

 

E ddoppo disce, perché stai ’nciuffato!3
si ffussi un’antro in de li panni mia,
te vorebbe lavà ssenza lesscia4
cuer cucuzzone5 sempre impimpinato.6

 

Oh ttiramola via sta carrozzetta:
ridi che inzin che ddura fa vverdura;7
ma nun curatte8 de vedé la stretta.

 

Tu mme voressi vede in zepportura:
ma io, monta cquà ssú, ppijja sta fetta:9
propio l’hai trovo l’hai chi sse ne cura.

 

22 gennaio 1832 - Der medemo

 

 




1 Mi salgono i fumi, mi montano le creste, ecc.

2 Sulla Piazza della Pilotta è la Congregazione Militare.

3 Ingrugnato.

4 Lisciva, ranno.

5 Testa.

6 Acconciato.

7 Modo proverbiale.

8 Non ti curare.

9 Dicendo le due precedenti frasi, si batte colla mano destra sul braccio sinistro, il quale deve correre anch’esso contro la mano: gesto un po’ turpe.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License