Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

375. L’immasciatori de Roma

 

Disce quer Meo che llavava li legni
de la Reggina morta de le Trujje1


che li Re-de-corona de li regni
ortrar tra dde loro tante bbujje,2

 

ce manneno cquà a nnoi sti bell’ordegni,
pe ppagà l’indurgenze co le pujje,3
e ppe ccacciasse auffa li disegni
de le cchiese de Roma e de le gujje.

 

per Re d’Appollonia e dde le Russe
c’è Ccacarini tuo de quella sera:4
pe li dufrosci5 Merluzzoffe e Bbusse.6

 

E ppe ffà co sti tré naso-e-pprimiera7
s’è vvienuto a inquartà sto Nuncefusse8
starengarrosto9 de monzú Tullera.10

 

 25 gennaio 1832 - De Pepper tosto

 

 




1 Maria Luisa di Borbone, già Regina d’Etruria.

2 Liti.

3 Gettoni da giuoco.

4 Gagarin, ministro per Russia e Polonia. V.i il Sonetto intit.o «L’astrazzione farza».

5 Tedeschi, cioè Austria e Prussia.

6 Lutzow e Bunsen.

7 Noto giuoco d’invito.

8 Nome di scherzo, a persona che forse non si vorrebbe.

9 Pesce sfumato.

10 Saint-Aulaire. Tullera, nome romanesco di spregio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License