Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

376. La vanosa1

 

Che jjamanca a Mmadama Patanfrana?2
Caso che jjamancassi er pettabbotto3
je lo pozzo abbottà cor un cazzotto,
senza metteje a cconto la dogana.

 

Nun è affare de mezza sittimana4
che mme chiese una vesta pe dde sotto,
e io cojjone de marc’e ccappotto5
je l’ho ffatta trovà pe la bbefana.

 

un pettine, un busto, un zinale6
oggi er vezzo, domani l’orecchini,
gnisempre cianerìe,7 gnisempre gale!

 

A mmé cchi mme li ttanti cudrini?
Perché llei nun ze trova un Cardinale
in cammio de sti guitti de paini?8

 

25 gennaio 1832 - Der medemo

 

 




1 Vana.

2 Nome di scherno a donna pingue: patanflana.

3 Antica foggia pel seno.

4 È appena mezza settimana.

5 Superlativo.

6 Grembiale.

7 Ornamenti affettati.

8 Nome generico dato dai Romaneschi a chiunque non vesta di corto com’essi, ma per lo più ai giovani.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License