Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

377. Er giudisce der Vicariato1

 

Senta, sor avocato, io nun mmicca2
da nun intenne cuer che llei bbarbotta.
Lei me ffà sputà ch’io mmignotta:
ma sta zeppa che cquà nun me la ficca.

 

La verità la dico cruda e ccotta,
ma cquesta nu la sgozzo si mmimpicca.
S’io me fesce sfasscià ffu pe una picca,
pe ffà vvedé cche nu l’avevo rotta.

 

D’allor’impoi sta porta mia nun usa
d’oprisse a ccazzi: e ssi llei pprovalla,
sentirà cche mme s’è gguasi3 arichiusa.

 

...Bbè, rrestamo accusí: su un’ora calla
lei me vienghi a bbussà co cquarche scusa,
e vvederemo poi d’accommodalla.

 

26 gennaio 1832 - De Pepper tosto

 

 




1 Tribunale che veglia sul costume.

2 Non sono stupida.

3 Quasi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License