Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

378. Er companatico der Paradiso

 

Dio, doppo avé ccreato in pochi ggiorni
cuello che cc’è de bbello e cc’è de bbrutto,
in paradiso o in de li su’ contorni
creò un rampino e ciattaccò un presciutto.

 

E ddisse: «Cuella femmina che in tutto
er tempo che ccampò nun messe corni,
n’abbi una fetta, acciò nun magni asciutto1


er pandescèlo2 de li nostri forni».

 

Morze3 Eva, morze Lia, morze Ribbecca,
fino inzomma a ttumojje a mman’a mmano,
morzeno tutte, e ppíjjele a l’inzecca.4

 

E tutte cuante cor cortello in mano
cuanno furno a ttajjà fesceno scecca:5
sseimilanni, e cquer presciutto è ssano.

 

26 gennaio 1832 - Der medemo

 

 




1 Assoluto.

2 Panem de coelo.

3 Morì.

4 All’azzardo.

5 Far cecca: frase venatoria: «non colpire, non riuscire».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License