Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

380. Er trionfo de la riliggione1

 

Cuer giorno che vvoleveno sti Cani2
levà ar Zommo Pontescife lo scetro,
lui pe mmette coraggio a li Romani
fesce un giretto attorno de Sampietro.

 

Che vvôi vede sartà li bborghisciani3
sur cel der carrozzone, e avanti, e ddietro!,
e ppe rreliquia da bboni cristiani
staccajje ggiú llottoni come vvetro!

 

Er Maggiordomo4 fesce a Ppidocchietto5
che ddiede un bascio ar Papa: «Eh galantomo,
cuer culo a lo sportello è un po’ ttroppetto».

 

E Ppidocchio, co ttutto6 er pavonazzo,
disse in cuer tuppetuppe ar Maggiordomo:
«Zitto llí vvoi che nun capite un cazzo».

 

 27 gennaio 1832 - Der medemo

 

 




1 Storia del giornofebbraio 1831.

2 I liberali, o rivoltosi come si chiamano.

3 Abitanti di Borgo, presso il Vaticano.

4 Fece, cioè: «disse».

5 Distinto borghigiano.

6 Non ostante l’abito, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License