Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

382. Li papalini

 

mmó a ddí a li sordati che ttiè er Papa:
tu sseina crapa, tu sseina carogna,
tu nun zei bbono da tajjà una rapa,
tu nun hai core d’infilà un’assogna!1

 

Propio carogna, !, ggiust’una crapa!
Antro che ggente da grattà la rogna!
Le panze da sbuscià llei se le capa;
e addimannelo a cquelli de Bbologna.2

 

Pe ssapé si cche armata sopraffina
tu ffatte legge dar Cumpar de Checca
lo spappiello3 c’usscí jjer’a mmatina.

 

Disce ch’è ttruppa da nun dajje pecca,
gente che sse sa ffà la dissciprina,
e a bbonprascito4 suo mena a l’inzecca.5

 

 27 gennaio 1832 - De Pepper tosto

 

 




1 Sugna.

2 Allude alla specie di guerra tra le Legazioni e Roma in gennaio 1832.

3 Carta. Nome scherzoso, tratto dal francese papier.

4 Beneplacito.

5 A caso.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License