Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

385. Er diluvio da lupi-manari1

 

Ma cche sperpètua! ma cche llùscia2 eh?
Tutta la santa notte, scī scī scī,
nun ha fatt’antro che sto verzo cquì!,
e gguarda puro cquanta ne viè!

 

Sto tettino de latta accost’a mmé,
che nnoja! nun m’ha ffatto mai dormí,
se po ddí inzomma ch’è dda venardí
ch’er zole nun ze sa si che ccos’è.

 

Ma ssenti che sgrullone3 è cquesto cquà!
Nun pare che ccominci a ppiove ?
Che ppioviccicarella, eh?, se ddà?

 

Jèso, che ttempi! e cche cce sta llà ssú!
Cosa seria! va bbene un po’ un po’,
ma er troppo è troppo, e nnun ze ne ppiú!

 

 28 gennaio 1832 - De Pepper tosto

 

 




1 È opinione che nelle notti molto piovose alcuni uomini siano assaliti da un male che, togliendoli di ragione, gli spinge urlanti a carponi fra l’acqua: ne’ quali momenti è pericoloso il farsi loro da presso. Costoro vengono chiamati lupi-manari.

2 Pioggia dirotta e continua.

3 Pioggia forte e improvvisa, che poi rallenta.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License