Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

388. Lo scallassedie1

 

Già,2 pe ggodé cquarche ffiletto,3 mone4
lui puro5 me viè attorno co la mucchia.6
Pe ddí lo disce c’ha bbona intenzione,
ma a lo strigne li panni7 se la strucchia.8

 

Come me ppijjà cquer bigantone9
si nun ha antrarte che sbatte la scucchia,10
c’a cquer povero zio ch’è un bucalone11 proprio je succhia l’anima je succhia?

 

Io je dico: «Ma ttrova cuarche ssanto:12
chi ddorme, Toto mio, nun pijja pesce»;13
ma llui d’udienza me ne ssai cuanto!

 

Mamma poi fiacca fiacca14 me se n’esce:15
«si è rrosa fiorirà»(13) Bbrava! Ma intanto
magna cavallo mio che llerba cresce.(13)

 

30 gennaio 1832 - Der medemo

 

 




1 Sposatori, longanimi.

2 Sì certo.

3 Utilità di favori.

4 Adesso ().

5 Pure.

6 Co gli altri.

7 Stringere i panni addosso, vale: «pressare».

8 Volge le spalle, si allontana.

9 Sfaccendato, vagabondo.

10 Sbattere la succhia (il mento): mangiare.

11 Baccellone.

12 Ingégnati, prendi aderenze.

13 Proverbi.

14 Con flemmatica disinvoltura.

15 Esce dicendo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License