Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

393. La zitella strufinata

 

Sposalla io? Co ttutto cuer morzarzo!1


Co cquelle cuattro scrofole! Co cquella
galantaria che ttiè a la gargamella!2
Co cquella scianca3 che tte bbutta in farzo!4

 

Io sposalla! E nnemmanco de risbarzo5
la vorrebbe pijjà sta cantarella,6
amara piú der zugo7 de mortella,
e mmattaccina8 com’er zol de marzo.

 

Ringrazzio Iddio co la lingua pe tterra
e in ginocchione in zulla grattacascia9
d’èsse vedovo, e ttu vvôi famme guerra?

 

Si llei se sposà, se spósi Bbascia,10
perch’io nun me la sento, sora sferra,11 da la padella de cascà a la bbrascia.12

 

3 febbraio 1832 - Der medemo

 

 




1 Umor salso.

2 Gola.

3 Gamba.

4 Zoppica.

5 Rimbalzo.

6 Canterella, cantaride.

7 Sugo.

8 Capricciosa.

9 Strumento da grattare il cacio.

10 Vedi la nota 9 del sonetto precedente.

11 Nome di spregio, comune anche alla miglior lingua, senonché i Romaneschi lo danno in significato anche più maligno.

12 Proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License