Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

394. L’occhi ffatti pe gguardà

 

Nun ve se gguardà, ssor Rugantino,1


sor Covielletto2 schiccherato a sguazzo?3
Che sso, mai ve vienissi in der boccino4
de trattamme all’usanza d’un regazzo!

 

Se guarda una fascina d’un cudrino,5
un torzo, una merangola,6 un pupazzo,
e nnun z’ha da guardà sto figurino
che se ddí zzero via zzero un cazzo!7

 

Cuanno che nun volete èsse guardato,
perché nun state in de la vostra coccia8
senza roppe le palle ar viscinato?

 

Io li par vostri me li ggiuco a bboccia;
e ssò ffigura pe cquer dio sagrato
de pisciavve mai mai9 puro in zaccoccia.

 

3 febbraio 1832 - De Pepper tosto

 

 




1 Maschera assai in voga a Roma, il cui carattere consiste nell’insulto e nella timidità.

2 Coviello, maschera oggimai disusata.

3 Dipinto, con isbadata precipitazione, a guazzo.

4 Capo.

5 Quattrino:1/5 di baiocco. Fascina, tre o quattro canne tutte raccolte in tralci secchi di vite.

6 Melangola.

7 Zero via zero, zero: nulla.

8 Casa.

9 Se occorre.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License