Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

399. Su li gusti nun ce se sputa1

 

Magnetelo sto ladro2 tordinone!3
Nu lo spregà: tièlla cquella ggioja,4
che cce se tira sempre de spadone5
d’addormiccese in piede pe la noia.

 

Armanco in ner teatro der pavone
c’è ar naturale l’incennio de Troja
pe la gran crudertà der re Nnerone
co Stentarello6 appatentato bboia.

 

Ch’edè llaggiú sta gran commedia bbella?
Un ciaffo7 de turcacci de la Mecca
intitolato: Ossia La leccatella8

 

Io stimo sto sciafrujjo9 chi l’azzecca.10
A mmé mme piasce de magnà, ssorella:
si a tté ttabbasta de leccà ttu llecca.

 

6 febbraio 1832 - Der medemo

 

 




1 De gustibus non est disputandum.

2 Intollerabile.

3 Torre di Nona, teatro d’opera regia.

4 Espressione proverbiale.

5 Vòto.

6 Maschera fiorentina.

7 Una cosa confusa, senza ordine né verso.

8 I Crociati in Tolemmaide, Ossia Malek-Adel.

9 Vedi nota 7.

10 L’indovina.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License